Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
Economia domestica
     
 
Il pane di casa
 
Il pane di casa
Le macchine domestiche sfornano un pane ...
     
 
Pulizie da manuale
 
Pulizie da manuale
I rimedi della nonna funzionano e permet...
     
 
Orata, allevata o pescata?
 
Orata, allevata o pescata?
Come riconoscere l’orata
   
  > Scopri tutti gli articoli di "Economia domestica"

Casa > Economia domestica  
   
L'Olio extravergine d'oliva  - Casa > Economia domestica
 
 

L'Olio extravergine d'oliva

 
     
 

Altroconsumo ha testato 25 campioni di olio extravergine

 
     

  La scelta di un buon olio extravergine
     
  Molti gli espedienti
     
  Molte le tecniche per frodare
     
  Valutare la qualità dell'olio extravergine
     
  Il test di Altroconsumo
     

 
 

La scelta di un buon olio extravergine

La tradizione mediterranea ci ha abituato a usare olio d’oliva extravergine quotidianamente. Ciò ha fatto salire i consumi con il rischio di frodi anche a livello internazionale.
Scegliere un buon olio non è, dunque, sempre facile. L’offerta sul mercato è vasta e nel mezzo finiscono anche prodotti non sempre di buona qualità. Questo perché l’olio extravergine è il condimento più sano, ma anche il più caro. Se si considera il costo di vendita dell’olio extravergine si intuisce perché ci sono molte frodi.


Molti gli espedienti

Gli espedienti usati sono molti: dall’aggiunta di olio meno pregiato (di semi, soia,colza,girasole) o di olio di oliva raffinato (con caratteristiche qualitative inferiori) fino all’uso di olio di sansa (estratto con solventi, dalla pasta che rimane dopo la prima spremitura delle olive. Tutte queste operazioni danno origine a prodotti di qualità inferiore rispetto a quanto pubblicizzato.

Molte le tecniche per frodare

Con l’aumento dell’attività di controllo, le tecniche per frodare il consumatore si sono fatte sempre più sottili e difficili da smascherare; l’ultima conosciuta, per esempio, prevede l’aggiunta di olio deodorato, ovvero rettificato con trattamenti più blandi che non vanno a modificare di molto la composizione generale del prodotto, così come prevista dalla legge. In poche parole, se viene unito olio trattato in misura moderata, non si intaccano i parametri sotto controllo.
L’olio è tutelato dalla legge: esiste una normativa europea che definisce sia le caratteristiche dell’olio d’oliva sia le indicazioni da riportare in etichetta.


Valutare la qualità dell'olio extravergine

Per verificare se i prodotti rispettino i parametri di qualità dell’extravergine vi sono dei requisiti stabiliti dalla legge.
Per esempio, l’Acidità conta molto: è la discriminante che stabilisce se un olio si può classificare come vergine o extravergine. Essa dipende da molti fattori: il clima, il processo di lavorazione e lo
Stoccaggio delle olive. Secondo il parametro europeo il limite fissato per l’extravergine è l’0,8%, oltre il quale non può essere considerato olio extravergine.
Il grado di ossidazione è un processo naturale e spontaneo, che allo stadio iniziale è utile per la maturazione dell’olio. Con il tempo provoca la formazione di composti chimici sgradevoli al palato come il gusto rancido. L’esposizione alla luce a all’aria e alte temperature accelerano questo processo.
L’unica forma di prevenzione contro l’invecchiamento prematuro dell’olio è conservarlo in un luogo fresco e asciutto, al riparo dalla luce e dalle fonti di calore.


Il test di Altroconsumo

Altroconsumo ha preso 25 prodotti bio e non e li ha fatti analizzare sia da un laboratorio specializzato sia da professionisti della degustazione.
Il risultato: si può scegliere un olio di buona qualità al giusto prezzo.
Migliore al test è risultato l’olio extravergine bio “Monini bios”; miglior acquisto l’olio extravergine “Bertolli Gentile” e “Olio extravergine Coop”.



 

 

le tecniche per frodare i consumatori sono sempre più sofisticate

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo