Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
I nostri figli
     
 
Il peso dei figli
 
Il peso dei figli
per una corretta educazione alimentare
     
 
Fast Food:ingrassa bambini
 
Fast Food:ingrassa bambini
Ecco come la malsana cucina americana fa...
     
 
Il cestino della merenda
 
Il cestino della merenda
Esperti nutrizionisti dicono la loro
   
  > Scopri tutti gli articoli di "I nostri figli"

Famiglia & Figli > I nostri figli  
   
Il peso dei figli  - Famiglia & Figli > I nostri figli
 
 

Il peso dei figli

 
     
 

Di Agnese Ferrara Settimanale Gioia

 
     

  Guardiamoci dentro
     
  Si sottovaluta il peso
     
  Un segnale di benessere
     
  L'educazione alimentare
     
  I piatti dei piccoli
     
  Le cinque regole per prevenire
     

 
 

Guardiamoci dentro

Se nostro figlio è cicciottello controlliamo non solo cosa c’è nella dispensa e nel frigorifero: guardiamoci dentro e riconosciamo le nostre colpe.
Ecco un breve test:nutriamo i figli per calmarli, rassicurarli e rassicurarci? Ci preoccupiamo soprattutto quando mangiano poco e raramente quando mangiano troppo? Il cibo è offerto ai piccoli per fare pace, come premio, per farli stare tranquilli? Se abbiamo risposto sì  a queste domande, rischiamo di essere il tipico “genitore di bimbo in sovrappeso”, così come osservato dai nutrizionisti.

Si sottovaluta il peso

Il genitori sottovalutano il peso dei figli, quattro mamme di bambini grassi su dieci non ritengono che i loro figli siano sovrappeso. Molti genitori sottovalutano la quantità di cibo assunta dai ragazzi e sono convinti che il proprio bambino svolga un’attività motoria sufficiente. Invece i ragazzi trascorrono troppo tempo davanti a tv e videogiochi.

Un segnale di benessere

Il forte appetito, che a volte si traduce in una vera e propria voracità, viene interpretato come un segnale di benessere e si tende a incentivarlo più che a limitarlo, con l’illusione che gli evidenti chili di troppo possano scomparire con lo sviluppo.
Invece, il 60 per cento dei bimbi resterà grasso in età adulta e sarà predisposto a soffrire di elevato colesterolo, ipertensione, diabete alimentare e patologie del fegato.

L'educazione alimentare

La questione va risolta lavorando sugli atteggiamenti degli adulti e sul loro rapporto con il cibo. L’educazione ad una sana alimentazione inizia fin dallo svezzamento, dai sei mesi di vita in poi.
Dare da mangiare ai bebè solo quando hanno veramente fame, secondo le indicazioni dei pediatri. Imparare ad ascoltare il pianto dei piccoli. Più coccole, giochi e meno pappa sono il primo sforzo da fare anche su se stessi. I genitori devono dare il buon esempio. E’ facile che mamma e papà, in lotta perenne con la bilancia, trasmettano ai figli cattive abitudini a tavola.


I piatti dei piccoli

Si comincia quindi riducendo le porzioni. I piatti dei piccoli devono contenerne mezza, sempre. Sarà il bambino a richiedere ancora cibo, se affamato. Poi bisogna optare per snack salutari, come yogurt e frutta fresca, e non cedere alle richieste dei bambini “viziati” dai sapori dei cibi confezionati. Ci vuole un po’ di tempo, assicurano i nutrizionisti, ma i ragazzi si abitueranno a mangiare ciò che trovano in casa.

Le cinque regole per prevenire

Le cinque regole per prevenire
Dalle indicazioni del ministero della sanità

1) Non associare mai il cibo all’idea di qualcosa di “speciale”, né usarlo come premio.
2) Non dare al bambino troppi spuntini, specialmente dolci, merendine, gelati,bevande gassate, succhi di frutta o crackers.
3) Non insistere quando il bambino è sazio o non ha molta fame: potrebbe mangiare solo per far piacere alla mamma o per non essere sgridato, con il rischio di ingenerare in lui un rapporto distorto con il cibo.
4) Ridurre il tempo dedicato a televisione/computer a favore di attività più dinamiche, come giochi all’aperto e attività fisica.
5) Se il bambino è già grassottello, è necessario svuotare cucina e frigorifero dai cibi tentatori (patatine, merendine, cioccolata, succhi di frutta) e sostituirli con gli alimenti giusti(acqua, tè, frutta, fette biscottate, yogurt).

 




 

 

per una corretta educazione alimentare

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo