Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
Economia domestica
     
 
Il pane di casa
 
Il pane di casa
Le macchine domestiche sfornano un pane ...
     
 
Pulizie da manuale
 
Pulizie da manuale
I rimedi della nonna funzionano e permet...
     
 
Orata, allevata o pescata?
 
Orata, allevata o pescata?
Come riconoscere l’orata
   
  > Scopri tutti gli articoli di "Economia domestica"

Casa > Economia domestica  
   
Il cibo che sprechiamo  - Casa > Economia domestica
 
 

Il cibo che sprechiamo

 
     
 

siamo tutti un po' spreconi

 
     

  Il mondo ha un problema
     
  L'Italia è sprecona
     
  Tristram Stuart
     
  La lista della spesa
     

 
 

Il mondo ha un problema

Il mondo ha un problema. Accanto all’irrazionalità consumistica, che fa sì che ogni giorno si sprechino quantità esagerate di cibo, accanto al dilagare dell’obesità-malattia che oggi affligge oltre mezzo miliardo di persone – aumentano gli affamati, sparsi ai quattro angoli del pianeta. Questo modello di sviluppo, che per anni è sembrato il migliore possibile, mostra le sue crepe e non convince più.

L'Italia è sprecona

Anche l’Italia, patria della più famosa tradizione gastronomica del mondo, dove si coltiva ancora l’amore per la buona cucina e la cura per gli ortaggi freschi, è sprecona: secondo i dati Fao il nostro Paese dispone di una quantità di cibo 3,3 volte superiore a quella effettivamente necessaria. I dati sono rilevanti: ogni anno quasi 600 euro per famiglia, cioè il 10% della spesa alimentare, buona parte della quale ancora commestibile, finisce nella spazzatura. Per non parlare i tutto ciò che viene buttato lungo la filiera:dal campo al supermercato.

Tristram Stuart

Che cosa pensate che succeda ai cumuli di cibo invenduti o non consumati in ristoranti o mense? Nella maggior parte dei casi questi alimenti vengono gettati. Lo dimostra anche l’esperienza di Tristram Stuart, un giornalista inglese salito agli onori della cronaca per aver vissuto un anno mangiando solo cibo raccolto dai cassonetti (per inciso, pare che in tutto questo tempo non abbia mai sofferto di mal di pancia).

La lista della spesa

Senza arrivare a questi estremi: tutti noi abbiamo l’opportunità di modificare un po’ il corso delle cose, semplicemente riducendo gli sprechi alimentari nelle nostre case e nelle nostre aziende. Per esempio: compriamo solo ciò che serve; facciamo la lista della spesa e seguiamola scrupolosamente per evitare acquisti impulsivi; conserviamo i cibi in modo corretto. E se ci avanza qualcosa, ancora in buono stato di conservazione, pensiamo a chi ha meno di noi.


 

 

Ogni giorno, produttori,supermercati, ristoranti e famiglie buttano tonnellate di cibo che potrebbe essere utilizzato.

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo