Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
I nostri figli
     
 
Il peso dei figli
 
Il peso dei figli
per una corretta educazione alimentare
     
 
Fast Food:ingrassa bambini
 
Fast Food:ingrassa bambini
Ecco come la malsana cucina americana fa...
     
 
Il cestino della merenda
 
Il cestino della merenda
Esperti nutrizionisti dicono la loro
   
  > Scopri tutti gli articoli di "I nostri figli"

Famiglia & Figli > I nostri figli  
   
Il cervello emotivo a cura di Adriana Rumbolo  - Famiglia & Figli > I nostri figli
 
 

Il cervello emotivo a cura di Adriana Rumbolo

 
     
 

Neuroplasticità.Cervello Sociale

 
     

  Il cervello sociale
     
  Sistemi di contagio emotivo
     
  Il dialogo con i ragazzi
     
  Un'esperienza
     
  Un buon dialogo
     

 
 

Il cervello sociale

Fin dalla scuola materna è importantissimo educare il “cervello sociale” e continuare poi in tutto il percorso scolastico. 
Il cervello “sociale” costituisce la “somma” dei meccanismi neurali che presiedono alla nostre interazioni, ai nostri pensieri e sentimenti verso le persone:  infatti ogni volta che stabiliamo un contatto viso-viso, oppure voce-voce o pelle-pelle con un’altra persona i nostri cervelli sociali si connettono e interagiscono.
Quando due persone interagiscono a tu per tu, il “contagio emotivo” si
 diffonde attraverso i circuiti neurali multipli i quali agiscono in parallelo all’interno del cervello di ogni persona.


Sistemi di contagio emotivo

Questi sistemi di contagio emotivo coinvolgono tutta la gamma dei sentimenti: gioia, tristezza , paura, rabbia, aggressività, invidia, amore, ostilità, compassione, assistenza, ecc…
Konrad Lorenz ha scritto che se vogliamo conoscere una nuova specie, dobbiamo attivare una relazione sociale .
Al contrario, la mancanza di gratificazioni, di buone relazioni sociali, di emozioni e azioni positive danneggia il sistema neuronale e la salute.
Quindi in una classe, atteggiamenti di prepotenza che  sono spie di serio disordine emotivo nel  soggetto che  prevarica e di  grave  falla, dei meccanismi difensivi nel soggetto che subisce non devono passare sotto silenzio e l’importanza del limite va  ribadita ogni volta che sia necessario.

Il dialogo con i ragazzi

E’ importantissimo che l’insegnante non sottovaluti o trascuri questi episodi e attraverso il dialogo con i ragazzi si adoperi per una rivisitazione delle emozioni e delle regole di una buona convivenza affinchè non solo i soggetti implicati, ma tutto il gruppo ne possa beneficiare ..

Un'esperienza

A proposito di episodi di prepotenza che si erano verificati in una seconda media abbiamo scelto, oltre il dialogo e la discussione che ne è seguita sugli aspetti delle relazioni interpersonali, e le  conseguenti e soprattutto proporzionate punizioni, di fare anche un esempio pratico che potesse essere chiarificatore e facile da memorizzare.
Si è parlato agli studenti di neuroplasticità, grande scoperta delle neuroscienze, del cervello con un esempio “spero accettabile” perché comprendessero bene.
E' stata  portata in una classe della pasta di pane lievitata con la quale si sono  modellati due cervelli. Poi due studenti hanno preso ciascuno nella mano sinistra  uno dei  "cervelli" di pasta di pane e, mentre dialogavano  con garbo o no, con la  mano destra lavoravano sulle superfici modellando e rimodellando per rappresentare che in ogni loro incontro o scontro verbale o anche solo di sguardi i cervelli che si connettevano nella comunicazione, modificavano alcuni circuiti  neuronali . In quel momento si è spiegato loro che se il dialogo era  ben condotto si attivavano anche sostanze favorevoli al benessere dell'organismo come l’ossitocina e gli oppiacei in caso contrario sostanze dannose come gli ormoni dello stress.
Mentre si faceva quest’esperimento il soggetto che non aveva saputo controllarsi nel rapporto con un compagno rivolgendosi all’insegnante ha detto sottovoce: “Sta parlando di me?”.
L’esperimento, forse, era riuscito.


Un buon dialogo

Si è provato a fare  questa rappresentazione perché  gli studenti comprendessero  e ricordassero meglio che era molto importante provare a  risolvere un conflitto con un buon dialogo ..
E quanto sono dannose e potrebbero lasciare il segno le violenze psicologiche e corporali.  Riflessioni scritte dai  ragazzi  dopo  l”esperimento”:
1) Il cervello è plastico, cambia alcune sue strutture a seconda delle emozioni che si hanno ,se queste non vengono espresse possono fare danni alle persona ,tipo malessere nella persona e di conseguenza  nei rapporti con gli altri .Il cervello produce sostanze buone se facciamo esperienze buone ,nocive se le esperienze sono negative (sesso M anni 12)
2) Il cervello è plastico cioè si trasforma in vari modi a seconda se si è sottoposto ad un piacere, ad un’offesa o ad un dolore.(sesso M anni 12 ).
3) Adriana ci ha spiegato tante cose nuove e abbiamo imparato che con l’approccio sbagliato, la conversazione si può trasformare e che non bisogna disturbare una persona perché se lo fai ripetutamente l’altro può reagire e non sempre positivamente .(sesso M anni 13 )
Adriana ci ha detto una cosa che riteneva molto importante perché l’ha ripetuta più volte: “il cervello è plastico”.
4) Questo incontro mi ha istruito su quest’aspetto in cui, se devo essere sincero, ero un vero ignorante!!!(sesso  M anni 12)
5) Adriana con la pasta di pane ha fatto un cervello e ci ha spiegato che secondo come ti senti e che emozioni provi il cervello cambia alcune strutture  come se avesse dei canali “tipo” Venezia ,con tutte le sensazioni che cambiano.(sesso F anni12 )
L’insegnante mantiene tutta la sua funzione pedagogica e didattica quando riesce ad usare il relazionare nell’insegnamento e a tenere il cervello sociale in continuo “allenamento”.



 

 

L’insegnante mantiene tutta la sua funzione pedagogica e didattica quando riesce ad usare il relazionare nell’insegnamento e a tenere il cervello sociale in continuo “allenamento”.

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo