Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
Economia domestica
     
 
Il pane di casa
 
Il pane di casa
Le macchine domestiche sfornano un pane ...
     
 
Pulizie da manuale
 
Pulizie da manuale
I rimedi della nonna funzionano e permet...
     
 
Orata, allevata o pescata?
 
Orata, allevata o pescata?
Come riconoscere l’orata
   
  > Scopri tutti gli articoli di "Economia domestica"

Casa > Economia domestica  
   
Il cappuccino  - Casa > Economia domestica
 
 

Il cappuccino

 
     
 

tratto da un'inchiesta di Altroconsumo

 
     

  Il rito: cappuccio e brioche
     
  Il cappuccio perfetto
     
  La brioche perfetta
     
  Attenzione quando entriamo in un bar
     

 
 

Il rito: cappuccio e brioche

Milioni di italiani amano cominciare la giornata con cappuccio e brioche, possibilmente al bar.
L’esperienza ci insegna che non sempre l’abbinata è vincente, a volte il cappuccio non lascia soddisfatti (schiuma scarsa,aroma poco intenso) spesso è la brioche a deluderci (industriale, precotta ecc.).

Il cappuccio perfetto

Secondo l’Istituto nazionale espresso italiano il cappuccino di qualità, rispettoso della tradizione, è composto da 25 ml di caffè espresso e da 100 ml di latte montato a vapore. Il latte, vaccino, deve essere tassativamente fresco e intero (conservato in frigo). Il caffè, di buona miscela e torrefazione. Il latte deve essere montato a circa 55 gradi, in modo che sia caldo, ma non imbevibile.
Il suo aspetto: deve avere al centro la cupola di crema bianca del latte; ai bordi s’allarga l’anello di caffè color nocciola. La schiuma deve essere consistente e compatta. Soprattutto  non deve ritirarsi troppo al primo giro di cucchiaino. L’aroma del caffè non deve prevalere su quello del latte. Inoltre non deve essere troppo amaro.

La brioche perfetta

La brioche perfetta deve essere abbastanza grande e la superficie delicatamente dorata. All’interno l’impasto deve presentarsi ben lievitato, con alveoli (buchi) ampi e ben visibili. Una buona brioche emana un profumo intenso di burro fresco, lievito e leggera tostatura. Al primo morso sull’angolo deve essere friabile, ma al centro la pasta deve essere molto morbida, quasi da sciogliersi in bocca. All’assaggio si deve sentire il burro, ma anche il lievito e gli altri ingredienti eventualmente presenti nella pasta, come la vaniglia o la scorza di agrumi. Non deve essere troppo amara, indice di una cottura degli zuccheri eccessiva.

Attenzione quando entriamo in un bar

Il cliente che entra in un bar, per prima cosa deve guardare il bancone. L’angolo caffetteria deve essere pulito e in ordine, senza oggetti in giro né sporcizia. La lancia del vapore, che serve a montare il latte, e la lattiera devono essere perfettamente pulite. Guai a trovare  numerosi cartoni di latte sul bancone: le confezioni devono restare in frigorifero fino al momento del loro utilizzo. Quando il barista monta il latte è importante assicurarsi che sia stato appena versato e non sia invece un residuo della montatura precedente. Le tazzine, preferibilmente bianche, devono trovarsi, rivolte a testa in giù, sopra la macchina del caffè: così si mantengono calde e non rischiano di sporcarsi. Il cacao deve essere sempre proposto al cliente e spolverato sul cappuccino solo dopo il suo assenso. Un bar che tiene alla qualità si vede anche dalle brioche, che devono essere possibilmente fresche e di pasticceria (le più amate). Devono essere a disposizione dei clienti in una vetrinetta chiusa.


 

 

Come riconoscere un buon cappuccino e una perfetta brioche

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo