Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
Economia domestica
     
 
Il pane di casa
 
Il pane di casa
Le macchine domestiche sfornano un pane ...
     
 
Pulizie da manuale
 
Pulizie da manuale
I rimedi della nonna funzionano e permet...
     
 
Orata, allevata o pescata?
 
Orata, allevata o pescata?
Come riconoscere l’orata
   
  > Scopri tutti gli articoli di "Economia domestica"

Casa > Economia domestica  
   
I test di Altroconsumo  - Casa > Economia domestica
 
 

I test di Altroconsumo

 
     
 

Altroconsumo ha effettuato dei test sui giocattoli che usano i nostri bambini.

 
     

  La sicurezza dei giocattoli
     
  Un gioco economico, ma a quale prezzo
     
  Il programma Icti Care
     
  I primi sforzi
     
  Noi consumatori?
     

 
 

La sicurezza dei giocattoli

La sicurezza dei giocattoli: diciannove giocattoli su trentaquattro, venduti in Italia, sono da considerare pericolosi. Le aziende che li producono dovrebbero prendere il massimo delle precauzioni per prevenire ogni rischio. Spesso non è così. E chi sbaglia, in buona o cattiva fede, non è punito.
Dai test si è visto che, dopo l’urto, si sono staccati piccoli pezzi, che possono essere ingeriti o inalati; parti mobili del gioco che possono intrappolare le dita.
Dopo aver ricevuto i risultati dell’indagine, alcuni produttori hanno agito per la sicurezza dei consumatori ritirando i giocattoli a rischio. I giocattoli fuori legge sono stati denunciati al ministero dello Sviluppo economico. Verranno presi provvedimenti? In Italia vengono ritirati pochissimi prodotti pericolosi, mancano i controlli.


Un gioco economico, ma a quale prezzo

Il 90% dei giocattoli venduti in Europa è prodotto in Cina, dove le condizioni di lavoro sono inaccettabili. A commissionare questi giochi sono le multinazionali occidentali, da cui tutti acquistiamo.
Orari di lavoro anche di 300 ore al mese per salari che a stento raggiungono i 100 euro. Ambienti mal sani e poco sicuri, assenze punite con multe pesanti. E il risultato sono giocattoli che si vendono sui mercati occidentali e che regaliamo ai nostri figli.

Il programma Icti Care

Nel 2004 l’Icti, il consiglio internazionale delle industrie dei giocattoli, ha avviato un programma di controllo della produzione ai fornitori di Cina e paesi asiatici controllando che rispettino i diritti di base dei lavoratori. Le industrie europee e americane si impegnano ad acquistare i giocattoli solo dalle fabbriche asiatiche certificate Icti Care, ma l’impegno spesso si ferma lì. La certificazione, infatti, cade sulle aziende asiatiche, sempre sotto pressione per mantenere i costi di produzione bassi, senza una partecipazione da parte dei grandi marchi, che potrebbero partecipare alle spese. Quindi anche nelle fabbriche certificate persistono situazioni di lavoro inaccettabili.
Le multinazionali occidentali dovrebbero assumersi più responsabilità, pagando prezzi più ragionevoli, aiutare le imprese a ridurre le violazioni dei diritti dei lavoratori, con salari adeguati al costo della vita, fornire ai lavoratori assicurazioni sul lavoro. Tra i rischi per la salute degli operai c’è l’esposizione alle sostanze chimiche dannose,  legate alla verniciatura o alla produzione di materie plastiche.

I primi sforzi

Da promuovere ci sono le organizzazione di commercio equo e solidale. Per esempio i prodotti Children Nepal sono costruiti con materiali locali e nel rispetto dell’ambiente e sono realizzati solo da donne, prima escluse dalla vita economica. Nelle Botteghe del Mondo si trovano anche giocattoli prodotti da Manila Design, che promuove lo sviluppo di piccole comunità rurali nelle Filippine.

Noi consumatori?

Come consumatori non abbiamo grande potere; scegliere un gioco “pulito” è difficile. Per ora i genitori possono controllare che l’azienda aderisca ai codici di condotta dell’Icti Care.
In alternativa, i giocattoli artigianali del commercio equo e solidale.



 

 

Esiste il gioco giusto?

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo