Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
Economia domestica
     
 
Il pane di casa
 
Il pane di casa
Le macchine domestiche sfornano un pane ...
     
 
Pulizie da manuale
 
Pulizie da manuale
I rimedi della nonna funzionano e permet...
     
 
Orata, allevata o pescata?
 
Orata, allevata o pescata?
Come riconoscere l’orata
   
  > Scopri tutti gli articoli di "Economia domestica"

Casa > Economia domestica  
   
I solfiti:non sempre sono dichiarati chiaramente in etichetta  - Casa > Economia domestica
 
 

I solfiti:non sempre sono dichiarati chiaramente in etichetta

 
     
 

cibi a rischio: inchiesta di Altroconsumo

 
     

  Solfini: additivi dell'industria alimentare
     
  Le reazioni allergiche
     
  Regolamentati per legge
     
  I alcuni casi sono vietati
     

 
 

Solfini: additivi dell'industria alimentare

I solfiti e l’anidride solforosa sono generalmente contenuti nel vino. Ma questi additivi, utilizzati per proteggere il cibo da microrganismi e ossidazione, sono in realtà molto utilizzati nell’industria alimentare in generale. Possono essere nelle bevande, nella frutta secca, nella birra, nei prodotti a base di carne e pesce (soprattutto crostacei), vengono indicati spesso con la sigla E220 e E228 . I produttori più corretti scrivono chiaro: “contiene solfiti”.

Le reazioni allergiche

Controllare la presenza di questi additivi è importante perché possono provocare, nelle persone più sensibili, reazioni di tipo respiratorio anche gravi. E’ più a rischio che soffre di asma. La sensibilità ai solfiti si può sviluppare in qualsiasi momento della vita. I sintomi più comuni sono difficoltà respiratoria, fiato corto, respiro affannoso e tosse. Chi è sensibile deve evitare questi conservanti.

Regolamentati per legge

I solfiti sono conservati il cui uso è regolamentato per legge e sono ammessi in determinate dosi. Purtroppo sono talmente usati che una sovraesposizione è piuttosto facile. I produttori dovrebbero usarli quando non esistono alternative migliori per la corretta conservazione dell’alimento e soprattutto dovrebbero essere sempre indicati in etichetta (come indica la legge), affinchè che è a rischio possa evitarne il consumo.

I alcuni casi sono vietati

Questi additivi oltre a conservare funzionano anche da antiossidanti, cioè mantengono più a lungo il colore originario degli alimenti, rendendoli più invitanti all’acquisto. Ecco perché, in alcuni casi, come nella carne fresca, sono vietati: rischierebbero di nascondere l’alterazione del prodotto.
Da un inchiesta di altro consumo il settore più critico è risultato quello dei crostacei freschi, in cui i solfiti ci sono, generalmente nel limite consentito, ma sono dichiarati in etichetta molto raramente.
Nella categoria dei condimenti, i solfiti, quando ci sono sempre entro i limiti di legge e sono dichiarati in etichetta. Nell’aceto di vino i solfiti sono usati soprattutto come antiossidante, per un migliore mantenimento del colore. Nell’aceto balsamico, invece, l’eventuale presenza di anidride solforosa è legata al processo di lavorazione del mosto.


 

 

Questi conservanti possono provocare allergie

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo