Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
I nostri figli
     
 
Il peso dei figli
 
Il peso dei figli
per una corretta educazione alimentare
     
 
Fast Food:ingrassa bambini
 
Fast Food:ingrassa bambini
Ecco come la malsana cucina americana fa...
     
 
Il cestino della merenda
 
Il cestino della merenda
Esperti nutrizionisti dicono la loro
   
  > Scopri tutti gli articoli di "I nostri figli"

Famiglia & Figli > I nostri figli  
   
Affettivo dipendente,indipendente regole  - Famiglia & Figli > I nostri figli
 
 

Affettivo dipendente,indipendente regole

 
     
 

a cura di Adriana Rumbolo

 
     

  La dipendenza affettiva
     
  Un vuoto di nostalgia
     
  Eterni lavori in corso
     
  Illusioni affettive
     
  L'etichetta di ribelle
     
  Il patrimonio emozionale
     

 
 

La dipendenza affettiva

Una paura che mi ossessiona è l’abbandono da parte dei miei amici ,perché  al solo pensiero di rimanere “sola “ senza l’appoggio dei miei amici ad affrontare alcune circostanze sono spaventata.
Da tutto ciò deduco che sono dipendente dai miei amici e noto che trascuro la mia personalità, mi faccio in quattro sempre per gli altri, ma da qualche tempo (dopo episodi accaduti ) ho deciso di cambiare il mio atteggiamento cercando di curare di più la mia persona pur mantenendo il rapporto con i miei amici (F. anni14)
Questa riflessione scritta da una studentessa denuncia un disagio molto diffuso,la dipendenza affettiva,  ma  fa anche  ben sperare ..


Un vuoto di nostalgia

Spesso un neonato sembra non aver vissuto appieno la sua  prima fase quando  la mamma dovrebbe essere un tutto:cibo ,calore ,sicurezza ,odori già percepiti, contatti piacevoli ,suoni familiari..
A volte  solo il cibo potrebbe,  per varie cause, rimanere  nel ricordo di quei momenti , lasciandosi dietro un vuoto di  nostalgia  di qualcosa di  bello, di  indispensabile che diventerà sempre più confuso,ma continuerà a influenzare  le scelte affettive assorbendo gran parte delle risorse di un soggetto finchè il conflitto non sarà risolto..

Eterni lavori in corso

Potrebbero rimanere come eterni lavori in corso una carezza  appena accennata e forse un pianto  mai espressi compiutamente.
Accade soprattutto nella famiglia dove attecchiscono le prime dipendenze e le conseguenti gerarchie affettive perché  un fratello,il padre, la madre una sorella tendono ad esercitare  potere su un familiare non attraverso una corrispondenza  di affetti o di simpatia o di interessi reciproci ma  sminuendolo o annullandolo.  .
Il bambino che subisce,  sarà poi  combattuto fra il desiderio fortissimo di avere amore tanto da mendicarlo e la paura che gli sarà negato proprio dalla persona per lui più importante.

Illusioni affettive

Allora potrebbe scattare un terribile compromesso:non chiederà più amore perché non può  perdere la sicurezza di una casa ,di un letto, del cibo si .esprimerà con  una serenità apparente ma non smetterà con ossessione ,sprecando molte energie ,e affidandosi a illusioni affettive di cercare di  risolvere il suo conflitto,  sempre in condizione di sottomissione
La conseguente  contrazione  emotiva porterà gravi danni a tutta la personalità  nella vita relazionale ,affettiva di lavoro e  sempre più  la consapevolezza di non valere molto.

L'etichetta di ribelle

Potrebbe sviluppare inoltre una naturale diffidenza verso le regole di quel mondo
che non l’ha compreso aggravando la sua situazione con l’etichetta di ribelle.
Da allora una sola parola d’ordine :okey , tutto bene.
Qualora riuscisse a chiedere aiuto  lo farà con soggezione ,esitazione   diventando  facile preda di imbrogli e di truffe..
Nutrirà ammirazione per tutti gli altri e  se qualcosa non andasse  bene   concluderà che è  solo  colpa  sua
Il distacco da una qualsiasi  persona vissuta come stampella affettiva indispensabile. sarà  un dramma e farà di tutto per sostituirla velocemente ..
Sembra strano ma le gerarchie non è tanto il più forte a stabilirle ,ma il più debole a favorirle.
La gerarchia non si forma dall’alto, ma dal basso.

Il patrimonio emozionale

In qualsiasi rapporto relazionale in particolare affettivo se un soggetto percepisce nell’altro una fragilità un cedimento, automaticamente si sentirà di poter affermare  la sua presunta superiorità nata ,non per un colpo di “stato,forza”,ma sulla debolezza,e ne   renderà   partecipe il gruppo che la ufficializzerà ,con tutte le sue conseguenze.
Qualche tempo fa, in televisione, una signora ebrea che era stata prigioniera ad Auschwitz   raccontò la sua terribile esperienza e concluse che quando,dopo anni ,aveva capito che  i suoi carcerieri erano soggetti fragili, che non valevano niente il suo dolore era stato ancora più forte.
Una studentessa, mentre si parlava della dipendenza affettiva nella vita di gruppo
ha scritto:”quando finalmente un soggetto ha maggiore conoscenza del proprio patrimonio emozionale, si può usare l’espressione”trattare alla pari” senza concetto d’inferiorità rispetto ad altre persone.
Aveva ben compreso l’importanza della conoscenza e della gestione delle emozioni e confermare che le esperienze quotidiane e una buona rieducazione comportamentale potrebbero  liberare tanti soggetti dall’ingombrante dipendenza affettiva.

Dott.ssa Adriana Rumbolo




 

 

la dott.ssa Rumbolo ci parla di dipendenza affettiva

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo