Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
La medicina naturale
     
 
Per dimagrire attente all'indice glicemico
 
Per dimagrire attente all'indice glicemico
Per dimagrire non basta più fare il cont...
     
 
Il piatto sano
 
Il piatto sano
Cosa mettere nel piatto per star bene
     
 
I flavonoidi
 
I flavonoidi
la nostra dieta deve esserne ricchissima
   
  > Scopri tutti gli articoli di "La medicina naturale"

Salute > La medicina naturale  
   
Nutrigenomica  - Salute > La medicina naturale
 
 

Nutrigenomica

 
     
 

relazione fra cibo e geni

 
     

  Relazione tra cibo e geni del corpo
     
  Il gene Sirt, per esempio
     
  Una farmacia all'avanguardia
     
  Una terapia culinaria
     
  Proprietà importanti
     
  I super alimenti
     

 
 

Relazione tra cibo e geni del corpo

La nutrigenomica si occupa della relazione tra il cibo e i geni del corpo, soprattutto in funzione delle malattie più conosciute. Sappiamo con certezza che numerosi geni si attivano o si disattivano in funzione della quantità ma soprattutto della tipologia del cibo ingerito.

Il gene Sirt, per esempio

Il gene Sirt, responsabile della lunghezza della vita, agisce in relazione al numero di calorie assunte con la dieta, per cui, in parole semplici, troppe calorie accorciano la vita.
Dati recenti confermano una stretta correlazione tra numerose forme di tumori e l’obesità, che favorisce stati infiammatori da cui appunto si sviluppano più facilmente i tumori.
Nel DNA esistono circa 35.000 geni, la maggior parte dei quali sembrerebbe funzionare in relazione al cibo ingerito.


Una farmacia all'avanguardia

In cucina si nasconde una farmacia all’avanguardia. Si sta scoprendo infatti che alcuni cibi contengono sostanze chiave per combattere le malattie. Non basta più mangiare sano, contando le calorie e abbondando in frutta e verdura. I nostri geni ci rendono unici, ma ci predispongono anche verso alcune malattie e la combinazione di certi alimenti piuttosto che altri ci può proteggere da queste e rallentare l’invecchiamento.

Una terapia culinaria

La Nutrigenomica è una  nuova terapia culinaria, studia i nutrienti diversi  a misura di  ciascun individuo. Alcune sostanze contenute nei cibi hanno un ruolo difensivo dalle patologie croniche complesse e frequenti. La nutrigenomica individua la predisposizione verso tali malattie e tara la somministrazione di nutrienti protettivi. L’obiettivo è di creare farmaci con tali composti.

Proprietà importanti

Molte proprietà degli alimenti si conoscono già da tempo.  La proprietà antinfiammatorie del resveratrolo presente nel vino rosso, del tè verde, della vitamina C da arance, degli omega 3 del pesce e dell’estratto di pomodoro. Una miscela di principi attivi in grado di diminuire le infiammazioni le ossidazioni e lo stress metabolico più intensi in chi è predisposto ad accumulare chili in più.

I super alimenti

Pomodori ciliegino, cipolle rosse, mele sono antiossidanti e contengono quercitina, che inibisce la proliferazione di diversi tipi di cellule tumorali. La verdura di colore rosso, come il radicchio, protegge dalle infezioni. La verdura invernale, come broccoli, cavolfiore,cavoli e verza, ha istocianati e indoli, che impediscono alle sostanze cancerogene di danneggiare le cellule.
Le carote contengono falcarinolo, agente anticancro riconosciuto. Fragole, mirtilli rossi e uva contengono acido ellagico, riconosciuto antiossidante. Ciliegie, more, lamponi,uva rossa e fragole sono ricchi di antocianine antiossidanti. Pesche e prugne contengono epicatechine anticancerogene, antinfiammatorie e antibatteriche. La frutta di colore rosso protegge dalle infezioni.
Le arance e i limoni sono ricchi di esperidina che protegge il cuore. Rafforzano le difese immunitarie perché contengono vitamina B e C. Le bucce di arancia, limone ed altri agrumi contengono lomonene e terpeni che frenano le cellule maligne.
L’olio di pesce, soprattutto sgombro, salmone e trota può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari perché ricco di acidi grassi omega 3 ad azione antinfiammatoria.
L’aglio contiene allicina ad azione antiaggregante, mentre il peperoncino è antinfiammatorio.
Curcuma,curry e mostarda sono antiossidanti, antinfiammatori e antiangiogenici. Lo zenzero è antiossidante. I semi di lino interferiscono con l’attività degli estrogeni e possono ridurre il rischio di tumori a seno, colon e ovaio. Il caffè contiene acidi fenolici antiossidanti. Il tè, soprattutto quello verde che contiene catechine e quello nero che contiene tea flavina, è anticancerogeno, antinfiammatorio ed antibatterico. Così come il luppolo contenuto nella birra.
Il cioccolato fondente contiene catechine ed epacatechine anticancerogene, antinfiammatorie e dantibatteriche. I cereali da crusca prevengono le neoplasie intestinali grazie all’alto contenuto di fibre. Cibi etnici: tofu, latte di soia e fagioli di soia contengono genisteina, fitoestrogeno ad azione antiestrogena e antiangiogenica.



 

 

Curry, arance rosse, tè verde. Birra, vino rosso, soia. Il cibo che cura.

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo