Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
Psicologia
     
 
Son come tu mi vuoi.....
 
Son come tu mi vuoi.....
Ricerca d'identità
     
 
Ipocondria
 
Ipocondria
La salute di "Esseredonna": La sindrone ...
     
 
Recupera la tua energia
 
Recupera la tua energia
Senti che la tua vita sta rallentando?
   
  > Scopri tutti gli articoli di "Psicologia"

Salute > Psicologia  
   
Quando si “muore” nello spirito: la storia della Piccola Fiammiferaia  - Salute > Psicologia
 
 

Quando si “muore” nello spirito: la storia della Piccola Fiammiferaia

 
     
 

Usa la creatività, nutri il tuo femminile - Dott.ssa Elisabetta Calvi

 
     

  Quando si “muore” nello spirito: la storia della Piccola Fiammiferaia
     
  Stiamo male quando ci allontaniamo da ciò che ci nutre
     
  La creatività è il bene più prezioso per la donna
     
  Che fare? Educare se stesse a cercare nutrimento, non conforto
     

 
 

Quando si “muore” nello spirito: la storia della Piccola Fiammiferaia

Pubblicata per la prima volta nel 1848 da Hans Christian Andersen “La Piccola Fiammiferaia” è in realtà una storia antichissima, narrata in tutto il mondo in vari modi; considerato da alcuni sdolcinato e sentimentale questo racconto non va congedato alla leggera perché espressione profonda di un’anima così congelata, così bisognosa di nutrimento da morirne. La Piccola Fiammiferaia parla alle Donne, perché coltivino sogni reali, quelli che (se si daranno da fare) si avvereranno. Questa bambina non aveva né padre né madre e viveva nel bosco accanto ad un villaggio; aveva imparato che là poteva comprare fiammiferi per mezzo penny e poi rivenderli per strada per un penny intero. Se ne vendeva abbastanza riusciva a comprarsi un pezzo di pane raffermo; tornava allora al suo povero rifugio nel bosco e dormiva, tenendosi addosso tutti gli abiti che aveva. Arrivò l’inverno, e faceva molto freddo; la bambina non aveva scarpe ed il cappotto era talmente vecchio da essere trasparente. Aveva i piedi blu, con le dita tutte bianche, vagava per le strade e pregava i passanti di comprarle qualche fiammifero ma nessuno si fermava e curava di lei. Così una sera, per scaldarsi, la Piccola Fiammiferaia iniziò ad accendere qualcuno dei suoi fiammiferi e subito le parve che freddo e neve fossero svaniti; per ogni fiammifero acceso un’immagine apparve davanti a lei, sparendo poi quando la fiamma si spegneva. Prima vide una bella stanza con una grande stufa di ceramica. Si rannicchiò accanto alla stufa che emanava tanto calore da far ondeggiare l’aria e le parve di essere in Paradiso. Ma, improvvisamente, la stufa svanì e la bambina si trovò seduta sulla neve tutta tremante; allora strofinò il secondo fiammifero e apparve un tavolo imbandito. Nella luce del terzo fiammifero vide un Albero di Natale. Guardando in cielo vide una stella e le tornò in mente la nonna morta che le raccontava sempre che ogni stella cadente era un’anima che volava in Paradiso; accendendo un nuovo fiammifero la bambina vide la nonna e per prolungare la visione accese tutti i fiammiferi…uno dopo l’altro…ed insieme presero a salire in cielo, dove non faceva freddo, non si provava fame né dolore. La mattina dopo la Piccola Fiammiferaia fu ritrovata immobile sulla neve, con un sorriso in volto ed un mazzetto di fiammiferi spenti in mano. Era andata via per sempre.

Stiamo male quando ci allontaniamo da ciò che ci nutre

Il racconto ci mostra quanto male le donne possono fare a se stesse accettando situazioni che consentono poche scelte, rassegnandosi al loro “posto” nella vita e magari trovando conforto nei bei sogni e in fantasie oziose. La Piccola Fiammiferaia avrebbe parecchie scelte: andare in un altro paese, infilarsi in un carro, rintanarsi in uno scantinato pieno di carbone… e invece continua a stare fuori al freddo, si rifugia nella fantasia come se fosse un anestetico e, mentre il calore dovrebbe essere il suo obiettivo principale, vende proprio i fiammiferi, l’unica cosa che può riscaldarla. Metaforicamente la bambina rappresenta tutte le donne che lasciano il loro femminile senza ricchezza, senza saggezza, senza nutrimento, senza possibilità di ulteriore sviluppo; tutte noi quando invece di stare con persone che ci approvano e ci potenziano, ci vestiamo con gli stracci di questa bambina e ci costringiamo a vivere una vita parziale, stagnante. Il risultato? Vaghiamo senza una meta, perdiamo forza e vitalità, non riusciamo più a sentire quello che veramente vogliamo, ci facciamo facilmente distrarre dalle faccende di cuore, dall’eccessivo lavoro.

La creatività è il bene più prezioso per la donna

Recuperare la creatività aiuta a reagire a tutto quanto accade attorno a noi, a scegliere tra tante possibilità di pensiero, sentimento, azione…perdere la creatività significa ritrovarsi limitate ad una sola scelta, non vedere l’alternativa. Coltivare il giardino, dipingere, amare bene qualcuno, accudire un neonato…la creatività è multiforme ed è il bene più prezioso per la donna perché le permette di donare all’esterno e la nutre all’interno, ad ogni livello: psichico, mentale, spirituale, emotivo, economico. E’ un fiume idealmente senza dighe né deviazioni ma se le sue correnti sono intossicate da complessi interni negativi o dalle persone che ci circondano, sono inquinati anche i processi che forgiano le nostre idee.

Che fare? Educare se stesse a cercare nutrimento, non conforto

La creatività non è una distrazione seducente, non è la nonna della Piccola Fiammiferaia che invece di urlare alla bambina di svegliarsi, di muoversi, di alzarsi, la trascina in Paradiso. Non è la fantasia del “se potessi”, “se solo avessi”…è azione! Significa reagire a tutto quanto accade attorno a noi, usare le proprie risorse per concretizzare non per fantasticare, cominciare subito e, se si fallisce, ricominciare ancora.
Significa proteggere il proprio tempo, non lasciare che lavoro, pensieri negativi, amici, mariti, amanti, costringano alla carestia. Significa educare se stesse a cercare nutrimento negli altri, non conforto…quel nutrimento che è fermento psichico, salute, benessere.
Saper dire di no alle richieste altrui quando sono eccessive, perché come dice Clarissa Pinkola Esteès nel suo famosissimo “Donne che corrono con i lupi”, un anima ben sviluppata ha confini eccellenti.

Dott.ssa Elisabetta Calvi
Pedagogista Clinico




 

 

Stiamo male quando ci allontaniamo da ciò che ci nutre

     
I vostri commenti
     
  Da sara
interessantissima prospettiva di lettura, davvero illuminante :)
     
  Da ELISABETTA
Mi è piaciuto molto... trasmette forza e coraggio a tutte le donne che quot...
     
    > Di la tua su questo articolo
    > Leggi tutti i commenti