Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
La tutela delle donne
     
 
L’Obbligo dei genitori di mantenere i figli
 
L’Obbligo dei genitori di mantenere i figli
A cura dell’Avvocato Silvia Colombo
     
 
Il reato di stalking. A cura dell'Avv.Silvia Colombo
 
Il reato di stalking. A cura dell'Avv.Silvia Colombo
Oggi puoi difenderti dal reato di stalki...
   
  > Scopri tutti gli articoli di "La tutela delle donne"

Donne, Studio & Lavoro > La tutela delle donne  
   
L’Obbligo dei genitori di mantenere i figli   - Donne, Studio & Lavoro > La tutela delle donne
 
 

L’Obbligo dei genitori di mantenere i figli

 
     
 

In particolare, la violazione degli obblighi di assistenza familiare

 
     

  L'obbligo dei genitori
     
  Fino a quando il genitore deve provvedere a mantenere i propri figli?
     
  Che cosa succede, quindi, se il genitore tenuto a corrispondere l’assegno, non vi provvede?
     
  La Corte di Cassazione
     

 
 

L'obbligo dei genitori

L'obbligo dei genitori di mantenere i figli deriva dall'art. 30, comma 1 della nostra Costituzione e dall’art. 147 cod. civ., ai sensi del quale «il matrimonio impone ad ambedue i coniugi l'obbligo di mantenere, istruire ed educare la prole tenendo conto della capacità, dell'inclinazione naturale e delle aspirazioni dei figli».
Tale obbligo non cessa con lo scioglimento del matrimonio, per effetto di separazione o divorzio (ed incombe altresì sul genitore nei confronti del figlio naturale riconosciuto).
In tale ultima ipotesi, infatti, i coniugi possono di comune accordo stabilire su quale dei due incombe l’onere di corrispondere all’altro (solitamente a colui presso il quale i figli sono collocati) una somma mensile a titolo di mantenimento, rivalutabile annualmente secondo gli indici Istat.
Qualora i coniugi non si accordino in tal senso, sarà il Giudice stesso a stabilire la somma che uno dei genitori deve corrispondere all’altro, in ragione delle proprie condizioni economiche e di altri elementi desunti dall’art. 155 cod civ., ovvero: le attuali esigenze del figlio, il tenore di vita goduto dal figlio in costanza di convivenza con entrambi i genitori; i tempi di permanenza presso ciascun genitore; le risorse economiche di entrambi i genitori; la valenza economica dei compiti domestici e di cura assunti da ciascun genitore.

Fino a quando il genitore deve provvedere a mantenere i propri figli?

La Corte di Cassazione, in diverse pronunce, ha stabilito che l'obbligo di mantenere il figlio non cessa automaticamente con il raggiungimento della maggiore età, ma si protrae fino al momento in cui il figlio abbia raggiunto una propria indipendenza economica, ovvero si sia rifiutato per sua colpa di procurarsi un reddito mediante l'esercizio di una idonea attività lavorativa.
Ormai troppo spesso, purtroppo, soprattutto dopo la separazione, accade che il genitore obbligato al versamento dell’assegno non ottemperi a tale adempimento.

Che cosa succede, quindi, se il genitore tenuto a corrispondere l’assegno, non vi provvede?

Le conseguenze possono avere risvolti sia civilistici che penalistici.
Da un punto di vista prettamente civilistico, il genitore che abbia diritto a vedersi versato detto assegno, può iniziare una procedura esecutiva sui beni dell’obbligato (tramite pignoramento mobiliare, immobiliare o presso terzi, ad esempio il datore di lavoro), ove questi non adempia spontaneamente a seguito della notificazione di un precetto (ovvero un’intimazione al pagamento).
Quanto agli aspetti penali, l’art. 570, comma 2, c.p., prevede la punibilità di colui che fa mancare i mezzi di sussistenza ai figli minori.
Sono da considerarsi “mezzi di sussistenza” tutto ciò che è strettamente indispensabile per vivere: vitto, alloggio, canoni per le utenze, spese per l’istruzione, vestiario, medicinali, ecc.
La mancata fornitura dei mezzi di sussistenza può trovare una causa di giustificazione solo in situazioni di oggettiva impossibilità di adempiere (caso fortuito, forza maggiore). La suddetta impossibilità deve essere specificatamente provata e, per poter avere valore scriminante, deve riguardare tutto il periodo di tempo nel quale si sono reiterate le inadempienze; deve trattarsi di una situazione di persistente, oggettiva ed incolpevole indisponibilità di introiti sufficienti a soddisfare le esigenze minime di vita degli aventi diritto.

La Corte di Cassazione

La Corte di Cassazione, sul punto, ha stabilito che l’eventuale stato di disoccupazione non vale ad esimere il genitore dall’obbligo di pagare l’assegno di mantenimento ai figli. I giudici della Corte hanno stabilito che la condizione di disoccupato, anche se effettivamente esistente, non può esimere il padre dall'obbligo di trovare un'altra occupazione. Inoltre la Corte ha voluto precisare che lo stato di bisogno del figlio minore si presume anche qualora alla somministrazione dei mezzi di sussistenza provvedano la madre o altri congiunti, poiché tale circostanza non fa venire meno l'obbligo primario di sostentamento che incombe all'altro genitore.
Alla luce di quanto sopra, quindi, qualora vi troviate nell’incresciosa situazione di non vedervi corrisposte alcune mensilità dell’assegno di mantenimento concordato od imposto dal Giudice, non disperate, ma rivolgetevi con fiducia ad un legale, che potrà consigliarvi al meglio quanto alle iniziative da intraprendere per tutelare i vostri figli, in relazione al caso concreto.


 

 

A cura dell’Avvocato Silvia Colombo

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo