Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
La tutela delle donne
     
 
L’Obbligo dei genitori di mantenere i figli
 
L’Obbligo dei genitori di mantenere i figli
A cura dell’Avvocato Silvia Colombo
     
 
Il reato di stalking. A cura dell'Avv.Silvia Colombo
 
Il reato di stalking. A cura dell'Avv.Silvia Colombo
Oggi puoi difenderti dal reato di stalki...
   
  > Scopri tutti gli articoli di "La tutela delle donne"

Donne, Studio & Lavoro > La tutela delle donne  
   
Il reato di stalking. A cura dell'Avv.Silvia Colombo  - Donne, Studio & Lavoro > La tutela delle donne
 
 

Il reato di stalking. A cura dell'Avv.Silvia Colombo

 
     
 

Sei perseguitata da continue telefonate, sms, appostamenti indesiderati?

 
     

  La violenza alle donne
     
  Forme di persecuzione
     
  Un reato perseguibile
     
  Richiesta di ammonimento
     
  Rivolgersi alle forze dell'ordine o ad un avvocato
     

 
 

La violenza alle donne

La violenza, in particolare quella alle donne, è stata da sempre oggetto di studio ed attenzione da parte di diversi soggetti ed istituzioni, i quali hanno cercato di trovare dei rimedi per reprimerla e, soprattutto, prevenirla.
L’attenzione è stata posta negli ultimi tempi, in particolare, su alcuni comportamenti che, di per sé, possono rappresentare graditi segni di affetto (ad es. telefonate, sms, visite a sorpresa, l’invio di regali o di fiori) ma che, se indesiderati, insistenti e reiterati, possono portare il destinatario a patire una situazione di vero e proprio disagio esistenziale e persino a correre un vero e proprio pericolo di vita.

Forme di persecuzione

Tali atteggiamenti possono trasformarsi in vere e proprie forme di persecuzione che limitano la libertà di una persona, la costringono a cambiare le proprie abitudini di vita, fino ad arrivare persino a terrorizzarla in quanto la stessa sente minacciata la propria incolumità.
Il d.l. 11/09 ha introdotto finalmente anche nel nostro ordinamento una nuova fattispecie di reato finalizzata a far venir meno la pericolosa condotta persecutoria nei confronti soprattutto delle donne.


Un reato perseguibile

Il nuovo art. 612 bis del codice penale prevede che “salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque reiteratamente, con qualunque mezzo, minaccia o molesta taluno in modo da infliggergli un grave disagio psichico ovvero da determinare un giustificato timore per la sicurezza personale propria o di una persona vicina o comunque da pregiudicare in maniera rilevante il suo modo di vivere, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione da sei mesi a quattro anni”.
Si tratta, come si può notare, di un reato perseguibile a querela di parte.
Si procede tuttavia d’ufficio se il fatto è commesso nei confronti di un minore o di persona diversamente abile nonché quando il fatto è connesso con altro delitto per il quale si deve procedere d’ufficio.

Richiesta di ammonimento

Peraltro, la persona che si ritiene offesa da una condotta che può presentare gli elementi del reato di cui all’art. 612 bis c.p., sino a quando non presenta formale querela, può avanzare richiesta di ammonimento nei confronti del molestatore.
La richiesta è trasmessa senza ritardo al questore il quale, assunte se necessario informazioni dagli organi investigativi e sentite le persone informate dei fatti, se ritiene fondata l’istanza ammonisce oralmente il soggetto nei cui confronti è stato richiesto il provvedimento e lo invita a tenere una condotta conforme alla legge.
Se il soggetto ammonito continua a molestare la sua vittima, si procede contro di lui d’ufficio e la pena è aggravata.


Rivolgersi alle forze dell'ordine o ad un avvocato

Alla luce di quanto sopra esposto ed in considerazione degli strumenti che la Legge offre è possibile, nel caso ci si senta vittime di questo reato, rivolgersi immediatamente alle forze dell’ordine esponendo i fatti in modo dettagliato ovvero ad un legale che saprà fornire i migliori consigli.  A cura dell'Avv. Silvia Colombo    


 

 

Oggi puoi difenderti dal reato di stalking.

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo