Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
Psicologia
     
 
Son come tu mi vuoi.....
 
Son come tu mi vuoi.....
Ricerca d'identità
     
 
Ipocondria
 
Ipocondria
La salute di "Esseredonna": La sindrone ...
     
 
Recupera la tua energia
 
Recupera la tua energia
Senti che la tua vita sta rallentando?
   
  > Scopri tutti gli articoli di "Psicologia"

Salute > Psicologia  
   
L'autostima  - Salute > Psicologia
 
 

L'autostima

 
     
 

La capacità di credere in se stessi

 
     

  Autostima=piacersi
     
  Valore in ascesa
     
  Impariamo a valutarci
     
  Primo:volersi bene
     
  Secondo: guardarsi alo specchio
     
  Terzo: fidarsi di sé.
     

 
 

Autostima=piacersi

Avere autostima significa piacersi, credere nelle proprie capacità, avere sviluppato il senso di fiducia in sé. Se non abbiamo abbastanza fiducia in noi stessi, difficilmente potremo suscitarne negli altri. La stima è un tratto fondamentale della nostra personalità, ma non è data una volta per tutte: il livello può oscillare nel tempo e influire in modo determinante sulla nostra vita sentimentale, di relazione e professionale. Per questo l’autostima va alimentata giorno per giorno, va fatta crescere se risulta scarsa o, all’opposto, ridimensionata quando rischia di sconfinare nel narcisismo o nell’egocentrismo.

Valore in ascesa

Nella nostra società, dove valori come l’umiltà e la solidarietà sono in netto calo, soppiantati dall’individualismo e dall’affermazione di sé, l’autostima ha acquistato un ruolo di grande rilievo. La parola “stimare”ha un duplice significato: determinare il valore e avere un’opinione su qualcuno o su qualcosa. Infatti lo sguardo che rivolgiamo a noi stessi quando ci osserviamo allo specchio e il giudizio che ne deriva sono fondamentali per il nostro equilibrio psicologico. Ed è importante capire quali sono i meccanismi attraverso cui si genera la nostra autostima.

Impariamo a valutarci

Io come sono? Intelligente, attraente, in forma, autorevole? E quanto? Quali sono i miei punti deboli e quali quelli di forza? Queste domande si affacciano in continuazione nella nostra mente. E noi,
tacitamente, ogni volta diamo una risposta. Tutte le cose che facciamo o che subiamo, tutte le esperienze che viviamo sono un’occasione per stabilire quanto valiamo e per darci un voto.
Leggiamo in chiave auto valutativa – come dicono gli psicologi – ogni piccolo gesto, ogni esperienza della vita. Tizio non ci saluta? Significa che siamo colpevoli di qualche scortesia nei suoi confronti, o che siamo così insignificanti da passare inosservati. Questo ci porta spesso a escludere l’ipotesi più ragionevole: forse semplicemente non ci ha visti. Ci mettiamo a dieta e perdiamo i chili di troppo? Siamo persone di carattere. Veniamo invitati ad una festa esclusiva? Siamo ricercati, desiderati, preziosi. L’autovalutazione interviene nelle circostanze più varie, pure quelle improbabili. Il bambino tende a pensare che i genitori si siano separati perché lui è cattivo e li ha fatti arrabbiare. La donna aggredita cova il dubbio di avere in qualche modo “invitato” lo stupratore. Diamo un significato alle cose per rispondere a un bisogno molto forte. Sapere se e quanto valiamo, ma anche come ci piacerebbe essere.


Primo:volersi bene

Gli ingredienti per l’autostima sono: l’amor proprio, la visione di sé, la fiducia in se stessi. Il dosaggio corretto di queste tre componenti è indispensabile per un giusto equilibrio psicologico.  Per stimarsi come persona bisogna essere consapevoli del proprio valore, mentre per amare se stessi non occorre niente di preciso: ci si piace, malgrado difetti e limiti, semplicemente perché una vocina interiore ci dice che si è degni di amore e di rispetto. Tale amore incondizionato per noi stessi ci consente di far fronte alle avversità. Nelle difficoltà, non ci salva dalla sofferenza o dal dubbio, ma ci protegge dalla disperazione. La nostra capacità di amarci dipende dal nutrimento affettivo ricevuto da bambini: Genitori assenti o distratti, o troppo presenti ed esigenti, possono indurre il bambino a sviluppare sentimenti negativi su di sé. Le carenze di stima che risalgono all’infanzia o alla adolescenza sono le più difficili da compensare.

Secondo: guardarsi alo specchio

Lo sguardo che rivolgiamo a noi stessi è il secondo pilastro della stima di sé. L'importante non è come realmente siamo, ma la nostra convinzione di avere qualità o difetti, potenzialità o limiti. Solo la capacità di guardarci con occhi positivi può darci la forza interiore che ci consente di affrontare le avversità della vita, di vivere bene le relazioni con gli altri e raggiungere i nostri obiettivi. Anche la capacità di vedersi con occhi positivi si acquisisce durante l'infanzia, in particolare nell'ambiente familiare, e dipende in gran parte dai progetti che i nostri genitori avevano su di noi. Chi ha imparato a guardarsi in modo negativo diventa facilmente dipendente dagli altri, e per stabilire relazioni soddisfacenti con il prossimo tende a imitare il comportamento altri, a seguire strade già esplorate più che a costruire e a condurre in porto progetti personali. In genere non coltiva ambizioni , pru avendo doti superiori alla media, non se la sente di emergere dal gruppo di lavoro. 

Terzo: fidarsi di sé.

Ha fiducia in se stesso che pensa di essere capace di agire in modo adeguato nelle situazioni importanti. La fiducia dipende dall'educazione che si è ricevuta in famiglia o a scuola, a seconda che s'incontrino buoni o cattivi insegnanti. Acquisisce fiducia in se stesso il bambino al quale un esito negativo viene presentato come una conseguenza possibile, ma non catastrofica, della sua maniera di agire. Il bambino che impara ad accettare la sconfitta (che non è mai definitiva) e a ricominciare con maggior convinzione. La fiducia in se stessi è la dote più apprezzata sul lavoro. Per reclutare i candidati, i cacciatori di teste fanno più attenzione a tale aspetto che alle conoscenze tecniche. Per valutarla, incentrano il colloquio sui punti deboli del curriculum, cercano di mettere in difficoltà il candidato. Chi riesce a riconoscere i propri limiti senza autosvalutarsi mostra di saper affrontare le situazioni difficili e comunicherà la stessa sensazione agli altri.

Dai quaderni di Airone




 

 

Il giudizio che abbiamo di noi stessi è fondamentale per l'equilibrio psicologico

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo