Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
Infanzia
     
 
E lo chiamano amore...
 
E lo chiamano amore...
il bambino se rassicurato imparerà a ch...
     
 
Torta di pannolini da regalare per la nascita
 
Torta di pannolini da regalare per la nascita
“Diaper cake”: Un regalo insolito e sorp...
     
 
I limiti come opportunità di crescita
 
I limiti come opportunità di crescita
Le regole e i “sì” e i “no” sono strumen...
   
  > Scopri tutti gli articoli di "Infanzia"

Famiglia & Figli > Infanzia  
   
E lo chiamano amore...  - Famiglia & Figli > Infanzia
 
 

E lo chiamano amore...

 
     
 

a cura della Dott.ssa Adriana Rumbolo

 
     

  Rassicurato imparerà a chiedere aiuto..
     
  L'abbraccio della madre
     
  Volevo chiedere aiuto...ma la voce non mi usciva
     
  Affettività e sessualità
     

 
 

Rassicurato imparerà a chiedere aiuto..

Un bambino molto piccolo sente  sbattere  una porta ,un tuono durante un temporale, voci concitate e lui impaurito ,piange, chiede aiuto..
Se l’aiuto arriva con un abbraccio affettuoso della mamma  , si calmerà..
Rassicurato  imparerà a chiedere aiuto  e   modulare un’emozione troppo forte e improvvisa..
Anche la scomparsa da un ambiente dell’unico volto familiare può sconvolgerlo
tanto da sentirsi  solo e  abbandonato e piangerà.
 La risposta rassicurante  della mamma,  lo aiuterà a ritrovare la sua tranquillità.
E  se qualcosa di fastidioso o insopportabile scatenerà la sua rabbia ,spaventato chiederà ancora una volta aiuto con il pianto .


L'abbraccio della madre

Di nuovo l’abbraccio a tutto tondo della madre, riporterà  la rabbia sotto il  livello di guardia ..Questi diversi sistemi emozionali ,radicalmente genetici ,rabbia ,paura ,angoscia di separazione  si trovano  nel cervello inferiore  del neonato che  in quella fase è dominante , poiché il cervello  razionale superiore del bambino,  non è ancora pronto  .al loro  controllo.
I genitori , rispondendo alle richieste di aiuto insegnerebbero  al neonato a modulare quelle emozioni,e favorirebbero la maturazione dei  percorsi cerebrali essenziali del cervello razionale ,superiore ...


Volevo chiedere aiuto...ma la voce non mi usciva

Se, i  genitori, non saranno in grado di farlo,  per svariate cause, quei bambini  potrebbero  manifestare  in futuro   gravi disturbi  comportamentali ,soprattutto affettivi- sessuali e il mancato sviluppo delle qualità umane superiori ,come la capacità  di provare  interesse per gli altri e di riflettere in modo consapevole sui propri sentimenti
Anche i  veterinari si raccomandano di  non  staccare i cuccioli dalla madre ,prematuramente,prima che  gli abbia insegnato l’autocontrollo emotivo.
In un incontro ,con una seconda media , una studentessa di dodici anni ,mentre si parlava dell’attività del cervello durante il sonno,all’improvviso:”Ho sognato  che ero in difficoltà mi sentivo  angosciata.
Volevo chiedere aiuto, .ma la voce non usciva”.
Forse aveva perso la sua voce quando nessuno aveva risposto al suo pianto e ora  chissà se l’avrebbe recuperata.
Questo sogno è molto frequente.
I bambini continuano a chiedere aiuto nel loro percorso emotivo non  solo col pianto, ma  con messaggi chiari e forti, : enuresi, tics,incubi, encopresi, regressioni,blocco dei meccanismi difensivi ,aggressività  ,profitto scolastico non buono, difficoltà nella vita di gruppo  ma spesso il pregiudizio e la vergogna scolorano il tutto nell’espressione “con il crescere migliorerà ,aspettiamo”..
Mentre il tempo  passa senza alcun  intervento   genitoriale o degli educatori nell’adolescenza  per la grande energia dei cambiamenti sessuali ,fisici ,intellettuali emotivi tutti mischiati fra loro ,quei  disordini emotivi  ritorneranno più forti ,meno comprensibili e più incontrollabili .


Affettività e sessualità

L’ affettività e la sessualità quando non interagiscono con gli altri  potrebbero  rimanere concentrate  solo    su se stesso (narcisismo )  con varie   problematiche  a volte difficili da capire.
Nei  primi  approcci, questi soggetti, si mostreranno  gentili , servizievoli addirittura ,affettuosi ,ma  la loro   finalità  non sarà amare ,ma possedere, dominare con violenza e incutendo paura.
A ogni  piccola  frustrazione spesso   vissuta come un attacco intenzionale  alla loro autostima, pericolosamente fragile, reagiranno  con rabbia violenta e distruttiva.
E allora su un soggetto (preferibilmente un familiare), bloccato nei meccanismi  difensivi, pieno quindi di paure e insicurezze, la  rabbia esploderà  e si calmerà solo annientandolo  psicologicamente  o addirittura  eliminandolo  fisicamente.
Anche a scuola spesso si percepiscono queste dinamiche di gruppo.
E’   molto   difficile individuare questi  soggetti  ,ma non impossibile perché nella famiglia si presentano in un modo e con gli estranei in modo completamente diverso .
Conoscono bene il copione della loro vita, delle loro sofferenze delle loro paure, e  sentono  la   compulsione,  per gratificarsi,  di vederle rivivere negli occhi della vittima, che guidati dall’inconscio avranno individuato  fra coloro che per un’ educazione rigida e giudicante   non   reagiranno,   perché  neanche  sospettano   di avere il diritto  di ribellarsi.
Da queste situazioni di forti conflitti e tensioni spesso la cronaca ci informa che è scoppiata una tragedia familiare o sociale.
La prevenzione potrebbe ridurre queste violenze e anche  la scuola che i ragazzi frequentano per molti anni potrebbe fare molto.
La scuola ha paura di parlare di educazione sessuale :l’educazione sessuale  non è solo riproduzione.
 La scuola dovrebbe solo  comprendere che quando si parla di educazione sessuale,.si parla anche di educazione emotiva e viceversa



 

 

il bambino se rassicurato imparerà a chiedere aiuto e modulare un’emozione troppo forte e improvvisa

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo