Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
Libri
     
 
Booktherapy
 
Booktherapy
Dietro ogni libro la cura per l'anima
     
 
Leggendo non cerchiamo idee nuove.....
 
Leggendo non cerchiamo idee nuove.....
Ci sono più donne in una donna che stell...
     
 
Gandhi
 
Gandhi
Sii il cambiamento che vuoi vedere avven...
   
  > Scopri tutti gli articoli di "Libri"

Tempo libero > Libri  
   
"Profili di donne lombarde" a cura di Franca Pizzini Ed.Mazzotta  - Tempo libero > Libri
 
 

"Profili di donne lombarde" a cura di Franca Pizzini Ed.Mazzotta

 
     
 

Il loro coraggio, il loro impegno per la libertà e per aiutare i più deboli in tempi difficili si fa scopo di vita

 
     

  Quattro aristocratiche
     
  Per una società più giusta
     
  Le protagoniste
     
  L'atteggiamento dello stato italiano
     

 
 

Quattro aristocratiche

E’ la storia di quattro aristocratiche vissute  tra Ottocento  e il  Novecento, dedicata a presentare e illustrare luoghi e persone che hanno contribuito alla vita sociale, economica e politica di Milano e della Lombardia nel periodo della costruzione dell’Unità d’Italia. Erano signore privilegiate, con palazzi, servitù, legate per parentela o amicizia al potere. Tutto procedeva tra balli, ricevimenti, villeggiature, qualche figlio affidato alle governanti, tutt’al più si teneva un salotto per ricevere gli intellettuali alla moda. Le nostre dame, cosa rara a quei tempi, erano istruite e forse è proprio la conoscenza che ha determinato una certa insofferenza nei confronti delle ingiustizie pubbliche e private e una voglia di cambiamento, che ne ha fatto delle eroine della storia futura, ma “scandalose” per la società in cui erano cresciute.

Per una società più giusta

Il loro coraggio, il loro impegno per la libertà e per aiutare i più deboli in tempi difficili si fa scopo di vita. Per le nostre protagoniste, diverse tra loro per carattere, credo politico e religioso, quello che conta è provare a costruire una società più giusta, più umana, più rispettosa della libertà e dei diritti. Incarnano una sorta di “ideale genealogia femminile” che ha le sue lontane radici in quel “mai stare con le mani in mano”, la raccomandazione di san Carlo Borromeo alle donne.

Le protagoniste

La prima eroina è Matilde Viscontini (1790-1825), musa di Stendhal, fa parte delle “giardiniere”, associazione coinvolta nei moti carbonari del ’21. La seconda eroina, è Cristina Trivulzio di Belgiojoso (1808-1871), anche lei sposata e separata, è costretta all’esilio tra Berna e Parigi per la sua partecipazione ai moti risorgimentali. E’ amica e interlocutrice dei più importanti intellettuali, artisti e politici del suo tempo. Poi  Paolina Calegari Torri (1856-1931), moglie e madre esemplare, fa del suo palazzo in Franciacorta il centro di elaborazione della politica dell’Italia unita. Qui si incontrano Zanardelli, ministro della Giustizia e poi presidente del Consiglio, massone e anticlericale; monsignor Bonomelli, vescovo illuminato, dedito a una coraggiosa azione sociale, protagonista del “modernismo pragmatico”; letterati come il Carducci. Concludiamo, infine, con Maura Dal Pozzo d’Annone (1907-19879), sindaco di Stresa nel 1955, è una delle prime donne a essere eletta a questa carica. Riesce a coniugare politica e religione, efficienza amministrativa e filantropia. Riorganizza e amplia ospedali, fonda colonie per bambini, scuole professionali.

L'atteggiamento dello stato italiano

Unisce tutte queste donne anche l'atteggiamento che lo stato italiano ebbe verso di loro, diventate ormai vecchie: indifferente, irriconoscente se non addirittura ostile, nel periodo fascista. Occorre forse arrivare ai giorni nostri perchè la considerazione delle istituzioni pubbliche verso l'impegno femminile eguagli almeno quello della gente comune che sapeva dare riconoscenza a chi si occupava della loro salute, dei loro bisogni e della mancanza di mezzi economici.


 

 

E’ la storia di quattro aristocratiche vissute tra Ottocento e il Novecento

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo