Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
Viaggi e Vacanze
     
 
La Rocca di Anfo
 
La Rocca di Anfo
un complesso militare unico ricco di sto...
     
 
I laghetti di San Giuliano (1960 m)
 
I laghetti di San Giuliano (1960 m)
Panoramica escursioni nel parco dell’Ada...
     
 
Brisighella
 
Brisighella
Il paese dei "cardinali"
   
  > Scopri tutti gli articoli di "Viaggi e Vacanze"

Tempo libero > Viaggi e Vacanze  
   
Musei Mazzucchelli di Ciliverghe di Mazzano (BS)

  - Tempo libero > Viaggi e Vacanze
 
 

Musei Mazzucchelli di Ciliverghe di Mazzano (BS)

 
     
 

I grandi spazi dell'arte e della cultura

 
     

  I Musei Mazzucchelli
     
  La Fondazione Giacomini Meo Fiorot
     
  Il Museo della moda e del costume
     
  Il museo del vino e dei cavatappi
     
  La Pinacoteca
     
  Casa Museo Giammaria Mazzucchelli
     

 
 

I Musei Mazzucchelli

I Musei Mazzucchelli devono la loro realizzazione alla  Fondazione Giacomini Meo Fiorot, costituita in data 9 febbraio 1995;  intitolata ai suoi fondatori Piero Giacomini (Conegliano Veneto, 1935) industriale biochimico, e di Franca Meo (Treviso, 1939 - Brescia, 1999) poetessa e scrittrice.
La Fondazione ha lo scopo di tutelare, promuovere e valorizzare il patrimonio immobiliare, storico, artistico, ambientale dei Musei Mazzucchelli costituiti da: il Museo della Moda e del Costume, il Museo del Vino e del Cavatappi e la Casa Museo Giammaria Mazzucchelli, e ciò attraverso anche l’organizzazione e la promozione di eventi culturali, conferenze, convegni, mostre e pubblicazioni, nel campo dell’arte, della moda, del costume e della cultura enologica.


La Fondazione Giacomini Meo Fiorot

La Fondazione Giacomini Meo Fiorot ha sede nella bellissima ala occidentale di Villa Mazzucchelli, tra le più orientali della Provincia di Brescia e quindi prossima al Veneto, al cui ambito culturale in senso ampio partecipa. La Villa è situata a Ciliverghe di Mazzano in una posizione strategica tra Brescia e il Lago di Garda ed è dichiarata monumento nazionale.

Il Museo della moda e del costume

Nelle scuderie della villa vi è il Museo della Moda e del Costume, una collezione di 5000 pezzi databili dalla metà del Settecento fino alla nascita dell’alta moda del Novecento. Sono esposti: abiti, cappellini, fazzoletti, ombrellini, ventagli, guanti, monili, accessori per la bellezza femminile.
Una sezione ospita un ambiente che in origine era la cucina della settecentesca villa, di cui resta l’originale fuoco, tutto attorno sono esposti tantissimi oggetti legati al lavoro domestico del passato.
Le ultime sale del percorso sono dedicate al mondo del bambino. Bambole, marionette, vecchi giocattoli in legno; di grande interesse l’abbigliamento del bambino con completi storici per il battesimo finemente ricamati con preziosi pizzi, capi deliziosi e raffinati appartenuti sicuramente a bambini fortunati.

Il museo del vino e dei cavatappi

Più singolare, ma curioso, è il museo del vino e dei cavatappi in un settore diviso in tre piani, vengono presentati strumenti per la vinificazione, l’imbottigliamento e tappatrici e cavatappi tutto rigorosamente d’epoca. Nel locale interrato, dedicato alla Coltura della vite e vinificazione, sono riuniti alcuni
strumenti specifici del vignaiolo: falcetti, pigiatrici, torchi e uno straordinario carro piemontese per il trasporto dell'uva. Al primo piano, nella sezione dedicata ai Cavatappi e tappatrici d'epoca, ci addentriamo in
una delle più eclettiche e vaste collezioni mondiali di cavatappi antichi e moderni. La varietà è davvero sorprendente, di ogni provenienza e forma da quelli inglesi, sofisticati,a quelli di origine francese per continuare con gli italiani e i tedeschi.


La Pinacoteca

La Pinacoteca ospita 50 opere provenienti dalla collezione privata dell’architetto trevigiano Giuseppe Alessandra. La raccolta si forma a partire dal 1956, quando l’allora ventenne Alessandra acquista la sua prima opera d’arte. Da allora le acquisizioni si infittiscono, dando vita ad una raccolta veramente eclettica, che nulla ha da invidiare alle Wunderkammern del passato, dove trovano posto opere di scultura, pittura antica e contemporanea, grafica, arte applicata, modellismo e botanica, accanto ad una ricca biblioteca d’arte e a oggetti legati alla passione cinofila.
Le opere selezionate per la Pinacoteca si datano a partire dal XIII secolo e sono prevalentemente riconducibili ad alcuni dei più importanti pittori rinascimentali di area lombardo veneta, tra i quali spiccano i nomi di Vittore Carpaccio, Dario Vorotari, Paris Bordon, Jacopo Tintoretto e Tiziano, accanto ad altri illustri maestri della pittura internazionale del XVII secolo come Van Dyck e Zurbarán.
L’itinerario espositivo è stato studiato in modo da valorizzare il profilo originario della raccolta e si articola in quattro sezioni.

Casa Museo Giammaria Mazzucchelli

L’edificio è prudenzialmente da collocarsi nell’ampia sfera palladiana, e del resto, sembra proporsi quale prodotto intermedio fra le due aree culturali, quella lombarda e quella veneta.
Villa Mazzucchelli si rivela infatti lombarda nell’impostazione complessiva, nell’usuale schema ad U, mentre lo scenografico pronao, unico in tutto il territorio lombardo, è di evidente stampo palladiano, ed è stato realizzato con l’impiego di sei colonne provenienti dall’antica chiesa di San Pietro de Dom (demolita per far posto al Duomo nuovo di Brescia). La costruzione e la decorazione della Villa sono legate alla figura di Federico Mazzucchelli (Brescia, 1671- 1746) e del figlio Giammaria (Brescia, 1707-1765), noto letterato del ‘700: nel 1722 Federico Mazzucchelli rilevò la cinquecentesca casa padronale dei nobili Maggi, aggiungendo poi al complesso esistente il corpo centrale e l’ala occidentale; il figlio Giammaria condusse a termine i lavori nel 1753.


Galleria fotografica

 
 
 
         
Musei Mazzucchelli di Ciliverghe di Mazzano (BS)

 
Musei Mazzucchelli di Ciliverghe di Mazzano (BS)

 
         
Musei Mazzucchelli di Ciliverghe di Mazzano (BS)

 
Musei Mazzucchelli di Ciliverghe di Mazzano (BS)

 
   
 
> Clicca sulle fotografie per ingrandirle

 

 

quattro percorsi veramente unici

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo