Torna alla home page
 
                   
  Tempo libero
 
  Viaggi e Vacanze  
     
  Eventi e visite  
     
  Spettacoli, concerti, film  
     
  Teatro  
     
  Libri  
     
   
  Shopping
 
  Shopping online  
     
  Spacci aziendali  
     
  Mercatini  
     
  Accessori  
     
  Far shopping all'estero  
     
  Cantine  
     
   
  Moda & bellezza
 
  Trucco e bellezza  
     
  Moda  
     
  Stilisti  
     
  Coccoliamoci&Beauty Farm  
     
  Vanità  
     
   
  Cucina
 
  I Cupcakes  
     
  Marmellate e conserve  
     
  Ricette  
     
  I Biscotti  
     
  Idee in cucina  
     
  Cibo e salute  
     
  Ristoranti  
     
  Le ricette dello Chef  
     
   
  Casa
 
  Casa on line  
     
  Fiori e Piante  
     
  Animali domestici  
     
  Arredamento  
     
  Economia domestica  
     
   
  Salute
 
  Donna e mamma  
     
  Psicologia  
     
  La medicina naturale  
     
  Diabete e associazioni  
     
  Altre patologie  
     
  Leggere gli esami del sangue  
     
  Pronto soccorso  
     
   
  Donne, Studio & Lavoro
 
  Donne&lavoro  
     
  La tutela delle donne  
     
   
  Spazio amiche
 
  Arte  
     
  Associazioni  
     
  Libri  
     
  Solidarietà  
     
   
  Curiosità
 
  Abbiamo letto per voi  
     
  I commenti  
     
  La rubrica di Cosimo  
     
  Cosa c’è in rete  
     
   
  Famiglia & Figli
 
  La Famiglia  
     
  Matrimonio  
     
  Infanzia  
     
  Adolescenza  
     
  I nostri figli  
     
  Sport  
     
   
     
 
Adolescenza
     
 
Adolescenza: l'età dell'impazienza
 
Adolescenza: l'età dell'impazienza
Da Vanity Fair un articolo di Giovanna Z...
     
 
E’ arrivata l’adolescenza
 
E’ arrivata l’adolescenza
il cervello non cresce più, aumenta la s...
     
 
Il cervello nella scuola
 
Il cervello nella scuola
Le emozioni usano il corpo come teatro
   
  > Scopri tutti gli articoli di "Adolescenza"

Famiglia & Figli > Adolescenza  
   
la generazione dei telefonini e degli sms  - Famiglia & Figli > Adolescenza
 
 

la generazione dei telefonini e degli sms

 
     
 

Una immensa onda di messaggi da cui gli adulti, meno abili nel digitare sui tasti, sono quasi esclusi.

 
     

  Sempre con il telefonino
     
  Lo psicologo Gustavo Pietropolli Charmet (a favore)
     
  La psicologa Anna Oliverio Ferraris (contro)
     
  Adolescenti e il rischio del linguaggio Infantile
     
  Acrobati dell’sms. Alchimisti del Rap, monologhi in solitudine
     

 
 

Sempre con il telefonino

Saluti, battute, appuntamenti, dichiarazione d’amore, discussioni, perfino poesie.
Questi ragazzi li osservi nei locali e ti accorgi che siedono allo stesso tavolo ma ogni cinque minuti uno o l’altro armeggia col suo telefonino, mentre scambiano poche parole col vicino.


Lo psicologo Gustavo Pietropolli Charmet (a favore)

“Il telefonino? Lo hanno inventato le mamme. Prima, quando loro lavorano, per seguire i bambini che restano a casa e vanno a scuola.  Poi per seguirli quando crescono e vanno in discoteca.”
Gustavo Pietropolli Charmet , psicologo dello sviluppo  e dell’adolescenza, non vede di cattivo occhio il telefonino per i bambini. Anzi.
“Il cellulare per i bimbi è una conseguenza inevitabile della relazione a distanza tra i figli e le madri che lavorano. I bambini di oggi sono abituati a relazioni a distanza. Oggi le famiglie cercano di farsi obbedire per amore, a contrattare ogni  cosa.
Ormai la pubertà sociale precede, e di molto, quella fisica. A dieci anni i bambini hanno molte relazioni. Solo cinque anni fa, questo succedeva a dodici anni. Ma non solo: in questi tempi non si può imporre una censura alla socializzazione. La vita è basata sulla socializzazione. Tutti i modelli educativi spingono ad avere relazioni, a comunicare. I bambini questo lo avvertono.”


La psicologa Anna Oliverio Ferraris (contro)

“Un tentativo di prolungare il cordone ombelicale.” Dice la psicologa dello sviluppo all’università La Sapienza di Roma,  Anna Oliverio Ferraris, che ha molti dubbi sull’uso del cellulare.
“Papà e mamma hanno paura di perdere il loro figlio e gli regalano il cellulare. Così,però, non insegnano ai bambini a essere autonomi. Ci sono anche aspetti positivi, ma le persone, se hanno il telefonino, invece di socializzare tendono a isolarsi. E poi è un oggetto totalizzante, i bambini non se ne separano mai per paura di perderlo o di farselo rubare. Inoltre rischi di suscitare invidie.
I telefonini non dovrebbe essere ammessi nelle classi. E comunque a volte bisogna saper dire di “no”, spiegando perché, altrimenti saremmo tutti uguali. Conformisti.”

Adolescenti e il rischio del linguaggio Infantile

Gli adolescenti di oggi possono essere descritti come colti o incolti, profondi o superficiali a partire dal loro neo-linguaggio. E quel che più conta, attraverso questo loro linguaggio, compresi nello loro povertà o ricchezze, espresse o inespresse.
Una generazione che comunica male, con tante parole “deboli”, che dicono poco, messe in fila senza ordine logico, senza avvertire il bisogno di comunicare meglio, non può non destare preoccupazione. La modalità tipo sembra: ciò che ti dico è vero non perché te lo dimostro, ma perché te lo grido e te lo ripeto 1000 volte. D’altra parte gli spot pubblicitari e i velocissimi messaggi dei talk show hanno ridotto male la logica a vantaggio dell’urlo o della ripetizione gridata.
E’ una sorta di videolingua elementare che  seduce e provoca “vibrazioni emotive”.
I nostri “adolescenti” sono pur figli di qualcuno. Sono anche figli della loro TV preferita, del video clip che impone la velocità, il montaggio serrato, frenetico, che non consente alla mente umana di osservare le immagini e registrarle nella “testa” e nella “pancia”.
Noi adulti – genitori, educatori, insegnanti,amministratori,sacerdoti,forze dell’ordine, allenatori, medici, ecc. – dobbiamo aver parole, e prima ancora occhi e orecchi, per cercare di ascoltare e descrivere questa lingua “bambina”, così da coglierla tutta, non solo il suo frammento che più ci preoccupa.


Acrobati dell’sms. Alchimisti del Rap, monologhi in solitudine

Tutto questo sono i nostri giovani, ma tanto altro ancora impariamo ad osservarli e ad ascoltarl.

Coop.Sociale “Il Calabrone” Brescia




 

 

Generazione accompagnata dai “Bip” dei messaggi in arrivo, nel tempo della comunicazione immediata i ragazzi riscoprono la meraviglia dell’attesa.

     
I vostri commenti
     
    > Di la tua su questo articolo